Trucco Permanente Roma Milano Pescara

Il trucco permanente è una tecnica di tatuaggio chiamata anche dermopigmentazione che ha come principale obiettivo quello di effettuare un tatuaggio riassorbibile, quindi usare dei pigmenti che con il tempo vengono riassorbiti dal corpo.

Avere dei pigmenti riassorbibili dal corpo comporta un grande vantaggio, quello di poter riprogettare di volta in volta il disegno  (delle sopracciglia o della parte interessata) adattandolo quindi al nostro volto che con l’età cambia in termini di contorni e forma.

Sicuramente il primo step da seguire per  fissare un appuntamento  è quello di leggere attentamente la seguente scheda riassuntiva o prenotare una consulenza completamente gratuita nella quale verranno illustrate tutte le norme indicative per eseguire il trucco permanente.

Trattamenti di Trucco Permanente negli studi di Roma Milano Pescara

Per sapere tutto sul Trucco Permanente

A CHI É INDIRIZZATO IL TRUCCO PERMANENTE

La perdita di peli in modo totale o parziale rappresenta da anni un inestetismo che può colpire tanto il mondo femminile quanto quello maschile. Le diverse forme di alopecia creano degli svuotamenti all’arcata sopraccigliare, generando asimmetrie piuttosto evidenti. Se a questo si aggiungono i danni meccanici che spesso le persone possono provocarsi con la depilazione “a pinzetta” per assecondare la moda del momento, il quadro si amplia ulteriormente.  Il trucco permanente è richiesto anche da chi desidera cambiare la propria mimica facciale che, come si sa, è fortemente condizionata dalla forma e dalla posizione delle sopracciglia.

Le labbra possono subire danneggiamenti da herpes devastanti che lasciano segni indelebili sulla mucosa allo stesso modo di come avviene per cicatrici di varia natura. Le labbra possono perdere la loro definizione anche a causa di un colore troppo tenue o di un contorno non regolare. A ciò si aggiunga il semplice desiderio di avere labbra più carnose e polpose.

Gli occhi hanno bisogno del trucco permanente quando risultano privi di ciglia folte a causa di una caduta imprevista oppure, più semplicemente, quando si vuole esaltare uno sguardo: è per questi motivi che si sceglie il potenziamento infracigliare. Un eyeliner sarà più opportuno se l’obiettivo è invecequello di cambiare l’atteggiamento discendente dello sguardo e puntare sul magnetismo.

COS’É IL TRUCCO PERMANENTE

Ci si affida al trucco permanente per correggere imperfezioni, asimmetrie ed esaltare in maniera naturale l’atteggiamento di un volto. Nella stessa parola “trucco” viene sottolineata l’eventualità di un inganno: si può mostrare anche ciò che non sempre corrisponde alla realtà . Naturalmente la bellezza di un trucco permanete risiede nella capacità di mascherare l’imbroglio, facendo risultare il tutto il più naturale possibile.

L’azione tatuatoria impiegata consiste nell’inserire pigmenti sterili e biocompatibili all’interno del derma mediante aghi monouso e garantirne la permanenza per un periodo indefinito che oscilla in una raggio ampio di 6/36 mesi.

I DIVERSI TRATTAMENTI

SOPRACCIGLIA

Le sopracciglia, parte caratterizzante a mimica non verbale di uno sguardo, possono essere modificate in base al fatto che si voglia prediligere la naturalezza oppure la definizione. Le tecniche iperrealistiche ‘a pelo’ sono quelle che rievocano in modo più verosimile la naturalezza di un sopracciglio, mentre le tecniche sfumate o miste puntano su un effetto maggiormente cosmetico, in virtù di una definizione da make-up.

LABBRA

Le tecniche applicative usate per definire la bocca possono variare in base alle esigenze personali e soggettive di ogni singola cliente. Un contorno labbra viene richiesto quando la definizione delle labbra è perfetta, ma si desidera evidenziarne il contorno, creando con un effetto matita.

Le tecniche invece di riempimento della mucosa sono utili per ripigmentare il colore in caso di ipocromie o per rendere le labbra più evidenti dal punto di vista cromatico.

Si parla di ricostruzione quando ci sono delle asimmetrie importanti oppure se si vuole aumentare i volumi della bocca, mantenendo inalterato l’assetto anatomico. La tecnica iperrealistica è sicuramente quella più convincente perché permetterà alla cliente di evidenziare la bellezza delle proprie labbra con una semplice passata di gloss.

OCCHI

La tecnica infracigliare si propone come obiettivo quello di rendere gli occhi  magneticamente più visibili ed attraenti, senza condizionarli con trucchi troppo evidenti.  Diverso è invece l’effetto di un eyeliner: oltre a truccare l’occhio in modo più marcato, può modificarne assetto e forma. Un atteggiamento discendente dell’occhio sarà dunque corretto con un eyeliner più o meno spesso in grado di riportare l’angolo esterno verso l’alto.

IL PRIMA DEL TRUCCO PERMANENTE

Pur essendo una pratica essenzialmente estetica, possiamo avvicinare il trucco permanente al mondo medicale visto che entra a contatto con tessuti vascolarizzati e deve utilizzare le stesse precauzioni per gestire possibili controindicazioni. E’ importante che ogni cliente sia consapevole dei potenziali rischi : è premura dell’operatore informarlo nel dettaglio specie se si tratta di un minorenne, in caso di gravidanza e allattamento, di somministrazione di farmaci, problematiche cardiovascolari, emocoagulative,   e neurovegetative.

LE SEDUTE CHE OCCORRONO

Una corretta prassi lavorativa prevede che il trucco permanente sia preceduto da una fase progettuale durante la quale selezionare i pigmenti che verranno utilizzati  in base all’incarnato, alla consuetudine al trucco, al colore degli occhi e dei capelli. Il passo successivo prevede l’esecuzione di un disegno direttamente sul volto della cliente in base ad uno studio visagistico e morfologico per esaltarne i tratti somatici. Una volta condivisa ed accettata la forma si procederà all’esecuzione vera e propria del trucco permanente. Da questo momento si dovranno attendere circa 28 giorni per permettere alla cute di ripristinarsi completamente in seguitoe alla mitosi cellulare e valutare l’eventualità di eseguire un rinforzo per correggere piccole imperfezioni dovute alla cicatrizzazione che risulta estremante soggettiva.

REVISIONI ANNUALI:

i pigmenti impiegati nel trucco permanente, definiti in termini tecnici bioriassorbibili,  verranno pian piano eliminati in seguito ad un processo naturale di fagocitosi, riportando la zona trattata alla situazione iniziale: è per questo che si ricorre ad una revisione annuale. Le tempistiche legate alla revisione possono variare dai 6 mesi fino ai 3 anni a seconda dei casi, all’età del cliente, all’esposizione solare, alla tecnica applicativa scelta, allo stile di vita.

La temporaneità del trucco permanente è sicuramente fattore estremamente positivo visto che garantisce la possibilità di rivedere sia gli aspetti cromatici che quelli strutturali del trattamento. Il peggior nemico di un colore è il sole che ossida i pigmenti modificandoli: un bel castano a distanza di anni potrebbe diventare rosso, grigio o addirittura verde o blu (in caso di colori da tatuaggio artistico). Il passare degli anni modifica, inesorabilmente, la struttura di un volto: un’arcata sopraccigliare esaltata dal trucco permanente, non sarà più adatta ad una nuova situazione anatomica a distanza di qualche anno ed avrà bisogno quindi di una modifica sostanziale. Per questo la scelta di una soluzione non definitiva ma temporanea come quella del trucco permanente, permetterà di mantenere un colore perfetto ed una forma adeguata nonostante lo scorrere del tempo.

.

TRUCCO PERMANENTE E TATUAGGIO: LE DIFFERENZE

Pur utilizzando le stesse tecniche applicative, il trucco permanente si discosta completamente dal tatuaggio: differenti sono gli effetti, i pigmenti e le attrezzature.

Tecniche relative ai tribali e alle sfumature intense sono legate maggiormente al concetto di tatuaggio. La competenza visagistica riichiesta per il trucco permanente è indispensabile, specie se si intende indirizzarsi verso tecniche meno percettibili come quelle iperrealistiche ‘a pelo’.

I pigmenti possono essere definitivi o bioriassorbibili. I primi, sintetici, sono utilizzati solitamente nel tatuaggio artistico e a volte impropriamente nel trucco permanente, causando danni estetici irreparabili come il viraggio di colore (dal verde al blu) e le modifiche della forma in seguito al cambio dell’assetto morfologico di un volto. L’unica soluzione di rimozione prevista è mediante sedute di laser.

Le attrezzatura assumono un ruolo di primaria importanza perché un trucco permanente abbia una riuscita perfetta. Sono da prediligere macchinette più controllate nelle battute per evitare migrazioni del colore e formazione di cicatrici  ipertrofiche. Gli aghi devono essere sottilissimi e con taper adatti all’esecuzione di peli sottilissimi.

FAQ

Ci sono controindicazioni?

Non ci sono controindicazioni legate alla pratica del trucco permanente dal momento che i pigmenti sono biocompatibili e certificati dal Ministero della Sanità ed i materiali impiegati sono assolutamente monouso. E’ sconsigliato eseguire un trucco permanente su persone con patologie neurologiche, emocoagulative e cardiache, donne in gravidanza o in allattamento e minorenni non accompagnati da entrambi i genitori.

E’ un trattamento doloroso?

In genere un trucco permanente non è un trattamento doloroso. La percezione del dolore, però, è un fattore molto soggettivo e, qualora fosse necessario, nel corso del trattamento, si possono apposite sostanze desensibilizzanti che renderanno il lavoro totalmente indolore.

Danneggia le sopracciglia?

Un trucco permanente corretto viene eseguito spingendo dei pigmenti bioriassorbibili con un ago monouso nel derma. In quest’ azione la papilla germinativa del pelo, trovandosi in un tessuto più profondo, non viene assolutamente danneggiata. Addirittura la stimolazione meccanica eseguita dal trucco permanente richiama un maggior afflusso sanguigno, portando maggior nutrimento ed ossigeno ai peli esistenti.

I colori utilizzati sono nocivi?

I pigmenti impiegati in un trattamento di trucco permanente non sono affatto nocivi per l’ organismo poichè tutti ipoallergenici, biocompatibili e certificati dal Ministero della Sanità, nel pieno rispetto della normativa vigente. Nessuno dei nostri clienti (tra i 22.000 che si sono sottoposti ai nostri trattamenti) ha riscontrato il minimo problema con il pigmento utilizzato.

E quando le mie sopracciglia inizieranno a diventare bianche?

Il pigmento riassorbibile, grazie alla sua durata limitata nel tempo, dà al cliente la possibilità di cambiare il colore scelto inizialmente con una tonalità che meglio si adatti agli inevitabili cambiamenti cromatici delle sopracciglia, garantendo sempre l’assoluta naturalezza del trattamento. Anche per questo motivo si sconsiglia l’impiego di pigmenti definitivi.

Come fare per prendere un appuntamento?

Per eseguire un trucco permanente è necessario fissare un primo appuntamento per una consulenza gratuita, anche telefonica, nel corso della quale verranno illustrati tutti gli aspetti igienico sanitari, tecnici e commerciali.

Basterà inviare una mail a info@tonibelfatto.it oppure chiamare lo 0039.0872.981395.

TONI BELFATTO

Gallery Trucco Permanente

Costi trucco permanente Roma Milano Pescara

Prima seduta

€ 500/800
  • variabile in base al lavoro da eseguire

Rinforzo mensile

€ 200
  • è eventuale
  • entro 4 mesi dalla prima seduta

Revisione annuale

50%
  • è da intendersi il 50% del primo trattamento
  • costo valido entro 5/18 mesi dal primo trattamento